logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

Zelenskyj o Zaluzhny?

volodymyr zelensky

Tabella dei contenuti

Quanto è probabile che gli Stati Uniti sostituiscano Zelenskyj nella prima metà del prossimo anno?

Il presidente Putin  ha condiviso il suo punto di vista,  durante una conferenza stampa ad Hanoi, secondo cui gli Stati Uniti sostituiranno Zelenskyj nella prima metà del prossimo anno, dopo averlo utilizzato per prendere decisioni impopolari come l’ulteriore abbassamento dell’età della leva.

La sua previsione è coincisa con la pubblicazione da parte dei servizi segreti esteri della Russia del suo  ultimo rapporto  su questo scenario, in cui si afferma che Zaluzhny è seriamente considerato dagli Stati Uniti come il suo sostituto ed è anche ritenuto più adatto di altri a  negoziare la pace con Mosca .

Il mese scorso è stato spiegato come “ la Russia spera di influenzare il possibile imminente processo di cambio di regime dell’Ucraina sostenuto dagli Stati Uniti ”, dopo che lo stesso servizio all’epoca aveva pubblicato un rapporto correlato al riguardo.

Questa strategia continua ad essere attuata, come evidenziato dal presidente Putin che,  due settimane fa, ha dichiarato  che il presidente della Rada è ora il leader legittimo dell’Ucraina se la Costituzione viene ancora rispettata.

Di conseguenza, ha detto che la Russia potrebbe negoziare con lui o con qualcun altro se Kiev è interessata alla pace, ma non con Zelenskyj.

Per quanto riguarda le  dinamiche strategico-militari del conflitto, queste continuano a tendere a favore della Russia e  non saranno cambiate da piccoli aggiustamenti  alla politica statunitense, come consentire all’Ucraina di usare le armi per colpire qualsiasi obiettivo oltre confine che stia presumibilmente pianificando di attraversare la frontiera.

L’unica variabile che può fare una differenza significativa in questo momento è se la NATO organizzasse un  intervento convenzionale , ma ciò  aumenterebbe il rischio di una terza guerra mondiale  a causa di un errore di calcolo.

Tornando alla previsione del presidente Putin secondo cui Zelenskyj verrà sostituito nella prima metà del prossimo anno, egli dà per scontato che non si verificherà alcun intervento convenzionale o che la successiva escalation rimarrebbe gestibile invece di precipitare nell’apocalisse.

Per quanto riguarda la prima possibilità, c’è la possibilità che ciò non accada poiché dipende dal fatto che la Russia ottenga una svolta militare in prima linea, che la NATO potrebbe poi sfruttare per giustificare il suo coinvolgimento diretto in questo conflitto.

Ciò potrebbe non accadere e quindi escludere questo scenario, oppure si svolgerà e quindi metterà in moto quella sequenza di eventi, portando quindi alla seconda possibilità di gestire questa escalation.

In tal caso, la Russia potrebbe evitare di colpire le unità NATO fintanto che non attraversano il Dnepr e non rappresentano una minaccia credibile per le sue nuove regioni, oppure si impegnerà in attacchi controllabili prima di congelare il conflitto.

Qualunque cosa accada, tuttavia, il futuro politico di Zelenskyj è scolpito nella pietra.  

La prima possibilità è in realtà molto peggiore per lui poiché sarà sotto pressione come mai prima d’ora per abbassare l’età di leva il più presto possibile per sostituire tutta la carne che dovrà essere macinata per impedire uno sfondamento russo in prima linea. .

È impossibile prevedere i tempi con cui verrà sostituito

È impossibile prevedere i tempi con cui verrà sostituito poiché dipende da quando tale politica verrà implementata e se (e per quanto tempo) la polizia segreta riuscirà a controllare la reazione furiosa del pubblico all’invio dei suoi giovani maschi adulti al macello.

Se la NATO interviene convenzionalmente in Ucraina, ma l’escalation non sfocia nella Terza Guerra Mondiale per errori di calcolo, cosa che ovviamente  non può essere data per scontata , allora il blocco potrebbe mantenere Zelenskyj al suo posto solo fino a quando non raggiungeranno un accordo con la Russia per  la gestione globale dell’Ucraina.  

La “nuova normalità” dell’Europa. 

Una volta raggiunto questo obiettivo, quando ciò accadrà, verrà messo da parte per annunciare l’avvento della cosiddetta “nuova Ucraina” in queste nuove circostanze e voltare pagina su questo periodo oscuro.

Proprio come nella prima possibilità, rimarrebbe al potere solo il tempo necessario per prendere decisioni impopolari, anche se in circostanze totalmente diverse in quel caso.

Tuttavia, il fatto è che la sua carriera politica sta volgendo al termine in ogni caso. 

L’unico utilizzo di Zelenskyj in questo momento è legittimare le politiche radicali in entrambi gli scenari.

Verrà poi messo da parte una volta che avrà fatto ciò che è necessario da lui, anche se non è chiaro quando ciò avverrà poiché tutto dipende dall’intervento convenzionale della NATO.

Fonte: https://korybko.substack.com/p/how-likely-is-it-that-the-us-replaces
Scritto da Andrew Korybvko
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Tags:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso