logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

NATO: l’Ucraina è troppo corrotta per unirsi

Ucraina nella Nato: le faremo sapere

Tabella dei contenuti

All’Ucraina, durante il vertice dell’alleanza che si terrà a Washington la prossima settimana, verrà detto che è troppo corrotta per entrare a far parte della NATO, secondo quanto riportato martedì dal Telegraph.

Nato si, Nato no?

Il rapporto citava un funzionario del Dipartimento di Stato americano, che ha affermato che l’Ucraina aveva bisogno di adottare “ulteriori misure”, prima che i colloqui sulla sua adesione alla NATO potessero procedere.

Dobbiamo fare un passo indietro e applaudire tutto ciò che l’Ucraina ha fatto in nome delle riforme negli ultimi due anni e passa“, ha affermato il funzionario.

Fonte: NY Times

Una cosa tipo “rimandati a settembre”?

Il funzionario ha aggiunto: “Mentre continuano a fare queste riforme, vogliamo elogiarli, vogliamo parlare di ulteriori misure che devono essere presein particolare nell’area della lotta alla corruzione. È una priorità per molti di noi seduti al tavolo“.

Il presidente Biden ha spesso citato la corruzione come motivo per non ammettere l’Ucraina nella NATO, ma ciò non gli ha impedito di spendere oltre 100 miliardi di dollari in aiuti militari ed economici al governo ucraino, praticamente senza alcun controllo.

Quando glielo diranno?

Si prevede che la posizione venga delineata in un comunicato della NATO emesso durante il summit.

Durante il summit NATO dell’anno scorso, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj era alla ricerca di una chiara tabella di marcia per l’adesione, ma il comunicato dell’alleanza ha offerto solo una vaga dichiarazione secondo cui avrebbe invitato l’Ucraina ad aderire “quando gli alleati saranno d’accordo e saranno soddisfatte le condizioni”.

La NATO è pronta a fare qualche gesto per mostrare sostegno all’Ucraina, tra cui l’invio di un alto funzionario civile a Kiev, secondo  il Wall Street Journal.

L’idea è di mostrare sostegno alla futura adesione dell’Ucraina alla NATO senza in realtà offrire un invito.

Intanto si rafforza la presenza Nato in area UE

Il  Journal  ha anche riferito che l’alleanza annuncerà l’istituzione di un nuovo comando a Wiesbaden, in Germania, per supervisionare gli aiuti militari e l’addestramento per l’esercito ucraino.

L’idea è che l’alleanza assuma i compiti attualmente supervisionati dagli Stati Uniti in modo che possano continuare, nel caso in cui un futuro presidente degli Stati Uniti voglia ridurre il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra per procura.

E Trump?

Il rapporto afferma che i passi per “rendere a prova di Trump” la guerra per procura in Ucraina, hanno assunto una nuova urgenza, dopo la scarsa performance del presidente Biden nel primo dibattito presidenziale.

L’ex presidente Donald Trump ha espresso scetticismo sulla guerra e ha detto che avrebbe elaborato un accordo per porvi fine, ma non ha articolato un piano.

Ha anche sostenuto il presidente della Camera Mike Johnson mentre avanzava altri 61 miliardi di dollari di spesa per la guerra per procura.

Fonte: https://news.antiwar.com/2024/07/03/ukraine-will-be-told-its-too-corrupt-to-join-nato-at-next-weeks-summit/
Scritto da Dave DeCamp
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://giornalismolibero.com/la-smobilitazione-della-nato-per-lucraina-una-battaglia-persa-per-zelensky-e-un-compromesso-ambiguo-per-biden/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso