logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

MMT: la nuova “politica monetaria” non convince

MMT

Tabella dei contenuti

MMT non convince

La teoria monetaria moderna (MMT)  non convince  la maggior parte degli economisti qualificati di varie scuole di pensiero. 

Ciò induce molti a rifiutare la MMT e a deriderla, il che è giustificato come una reductio ad absurdum, soprattutto considerando alcune delle affermazioni più stravaganti della MMT.

In effetti, la mia  tesi  era una critica austriaca 1 della MMT.

MMT

MMT criticata anche dal mainstream

Ma c’è anche una discreta dose di ipocrisia nelle critiche non austriache (ad esempio, mainstream, keynesiane, monetariste) della MMT da parte degli economisti mainstream. 

La verità è che la maggior parte, se non tutti, di questi economisti condividono gli stessi presupposti errati riguardo a ciò che è eufemisticamente chiamato “politica monetaria”.  

La differenza tra economisti mainstream e MMT è solitamente di  grado , non di  tipo.

I vantaggi della sovranità monetaria

Alan Greenspan, ex presidente della Federal Reserve (1987-2006) e decisamente non un sostenitore della MMT, ha fatto  un’affermazione molto favorevole alla MMT: “Gli Stati Uniti possono pagare qualsiasi debito abbiano perché possono sempre stampare denaro per farlo, quindi non c’è alcuna probabilità di default“.

Sebbene ciò sia letteralmente vero e indichi il fatto che il debito nominale e i dollari non sono il problema, trascura le conseguenze distorsive di questa manipolazione sull’intera struttura della produzione.

Tuttavia, tale affermazione viene spesso ripetuta anche dai sostenitori della MMT, come se contenesse un ingrediente magico mancante per sbloccare maggiori riserve di ricchezza.

Della politica monetaria

In effetti, la MMT fornisce una critica giustificata ad altre scuole di pensiero economico che condividono una premessa di fondo senza giungere alle stesse conclusioni. 

Tale presupposto è la cosiddetta  politica monetaria, ovvero che i governi tramite un monopolio di banca centrale dovrebbero essere l’unica entità che emette e controlla il denaro come strumento di politica economica.

Le dubbie giustificazioni per questo sono che fornisce una maggiore stabilità economica e un’espansione del denaro e del credito in base alle esigenze del commercio (entrambe queste sono false, teoricamente ed empiricamente).

Detto questo, la MMT e l’economia mainstream condividono entrambe questo presupposto, assumendo la validità della politica monetaria.

Cos’è la politica monetaria?

Come esempio di presentazione della corrente principale sulla definizione di “politica monetaria”, la popolare enciclopedia finanziaria Investopedia ha precedentemente  affermato  quanto segue:

“La politica monetaria è un insieme di strumenti che la banca centrale di una nazione ha a disposizione per promuovere una crescita economica sostenibile, controllando l’offerta complessiva di denaro disponibile per le banche della nazione, i suoi consumatori e le sue aziende. . . . L’arma principale a sua disposizione è il denaro della nazione (corsivo aggiunto).”

Il denaro come arma

L’uso disinvolto della parola “arma” è appropriato. 

Nelle mani di un  monopolio di stato  , il denaro può effettivamente essere “militato”.  

L’inflazione è l’espansione artificiale di denaro e credito che ha l’effetto di trasferire ricchezza da tutti i detentori di denaro a chi lo gonfia.

Ciò può essere fatto sotto le mentite spoglie di “politica” (apparendo ufficiale, ordinato e legittimo), ma comporta che le élite al potere intraprendano azioni che altrimenti sarebbero comportamenti criminali (ad esempio, frode e contraffazione).

Anche senza la discussione etico-filosofica sul fatto che cambiare l’offerta di moneta sia fraudolento, economicamente, le conseguenze rimangono.

Dell’inflazione

L’inflazione di moneta e mezzi fiduciari (credito artificiale) provoca danni:
– causa errori di calcolo economici e cicli di espansione-contrazione,
– distorce la struttura della produzione,
– incoraggia il consumo di capitale,
– mina le azioni degli individui,
– scoraggia il risparmio,
– trasferisce ricchezza dai cittadini al governo e a coloro che sono politicamente connessi,
– influisce sul potere d’acquisto della moneta
e ha tutta una serie di altri effetti indesiderati.

Tutto questo, ovviamente, viene fatto sotto la copertura legale della “politica” per ottenere una “crescita economica stabile”, oltre a mantenere ambidestra la falsa dicotomia tra piena occupazione e inflazione.

Quindi cosa c’entra la MMT?

Entra in gioco la MMT, che porta i concetti di “politica monetaria” alle loro logiche conclusioni, dimostrandone le conseguenze in modo sorprendente, e gli economisti mainstream vogliono rapidamente dissociarsi da questa nuova idea “folle”.

Le persone potrebbero non apprezzare che alcuni sostenitori della MMT affermino ciò che affermano su inflazione, spesa pubblica, piena occupazione e debito; eppure politici e burocrati monetari sembrano sicuramente comportarsi come se credessero nella MMT.

La MMT osserva correttamente che il governo, attraverso un equilibrio di tassazione, spesa in deficit, inflazione e politica monetaria, tenta di controllare centralmente un’economia e, di fatto, indirizza risorse reali verso  i suoi  fini. 

Questi sono strumenti politici comuni dello stato e delle banche centrali.

La MMT vorrebbe solo sfruttare questi strumenti in  misura maggiore  e indirizzarli verso  fini diversi.

Gli obiettivi della Federal Reserve

Allo stesso modo, Investopedia ha ulteriormente chiarito:

La Federal Reserve è responsabile della politica monetaria negli Stati Uniti. La Federal Reserve (Fed) ha quello che viene comunemente definito un duplice mandato: raggiungere il massimo livello di occupazione mantenendo sotto controllo l’inflazione.

Questa affermazione di cui sopra non è fondamentalmente una dichiarazione degli obiettivi della MMT? 

Altre scuole di pensiero economiche che accettano i presupposti sottostanti della necessità della politica monetaria non sono fondamentalmente in disaccordo con la MMT su questo punto; in effetti, sono fondamentalmente d’accordo.

Ciò mina la capacità di queste scuole di fornire efficacemente una critica fondamentale della MMT piuttosto che solo disaccordi su  come  e  in quale misura  la politica monetaria debba essere utilizzata.

In media stat virtus?

La critica economica su questi punti, sia che provenga dalla MMT all'”altra parte” o dall'”altra parte” alla MMT, implica incoerenza. 

Condannando l’altro, condannano se stessi perché condividono presupposti fondamentali.

L’esistenza della MMT è di fatto una reductio ad absurdum della cosiddetta politica monetaria.

La MMT chiede ragionevolmente: e se facessimo  di più  della stessa cosa?

Ovviamente, il grado in cui qualcosa viene fatto può essere criticato senza abbandonare l’intera cosa, ma le ipotesi errate sono duplici:
(1) che ci sia “la giusta quantità” di politica monetaria e
(2) che ci siano alcuni esperti illuminati che sanno cosa sia e hanno solo bisogno del monopolio sulla massa monetaria per ottenerla.

Il denaro è anche uno strumento politico

Che si tratti di MMT o meno, i sostenitori della cosiddetta politica monetaria credono essenzialmente che il denaro sia uno strumento politico (o arma) da brandire da parte delle élite governative per riorganizzare prezzi, risorse e la struttura della produzione in contrasto con le preferenze dimostrate da milioni di individui.

Pertanto, gli Stati Uniti sono stati sotto un regime di politica monetaria di “stabilizzatori” che hanno discusso su  come  implementare una “politica” fondamentalmente imperfetta per oltre un secolo. 

Ogni volta che questo fallisce e destabilizza l’economia, ci troviamo di fronte a critici che danno la colpa al libero mercato e alla deregolamentazione e che vogliono usare la politica monetaria per “gestire l’economia” in modo diverso.

Dovremmo invece abbandonare la frode della politica monetaria e dare ascolto  alle parole  di FA Hayek in merito ai risultati della politica monetaria che hanno portato alla Grande Depressione americana:

Non dobbiamo dimenticare che, negli ultimi sei o otto anni [fino al 1932], la politica monetaria in tutto il mondo ha seguito il consiglio degli stabilizzatori. È giunto il momento che la loro influenza, che ha già fatto abbastanza danni, venga rovesciata.

Fonte: https://mises.org/mises-wire/its-all-mmt-fraud-monetary-policy
Scritto da Joshua Mawhorter
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://giornalismolibero.com/intervista-ad-andrea-nardi-autore-di-lo-stato-senza-tasse/

  1. La Scuola Austriaca di Economia è una scuola di pensiero economico che enfatizza l’importanza dell’individualismo metodologico, dei processi di mercato, della soggettività del valore e della teoria del capitale. Figure di spicco come Ludwig von Mises, Friedrich Hayek e Carl Menger hanno contribuito significativamente a questa tradizione.

Tags:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso