logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

La Thailandia presenta domanda di adesione ai BRICS

Bandiera della Thailandia

Tabella dei contenuti

Il governo della Thailandia ha annunciato la sua intenzione di candidarsi per diventare membro del blocco economico BRICS, composto originariamente da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. La decisione è stata presa durante una riunione del gabinetto a Bangkok, dove è stato approvato il testo ufficiale della lettera di adesione. Secondo il portavoce del governo Chai Wacharonke, la Thailandia riconosce l’importanza della multipolarità e del ruolo crescente dei paesi in via di sviluppo negli affari internazionali.

Visione futura in linea con i principi del BRICS

La lettera inviata dichiara che la visione futura della Thailandia è in sintonia con i principi del BRICS e che l’adesione al blocco porterebbe numerosi benefici al paese. Tra questi, vi è il potenziamento del ruolo internazionale della Thailandia e l’opportunità di partecipare alla definizione di un nuovo ordine mondiale.

Invito a partecipare al vertice di Kazan

I BRICS hanno esteso un invito ai paesi non membri interessati ad aderire a partecipare al summit del gruppo, previsto per la fine di ottobre a Kazan, in Russia. Secondo Chai, la partecipazione al summit rappresenterebbe un’opportunità per la Thailandia di accelerare il processo di candidatura.

BRICS: un’espansione significativa

All’inizio del 2024, i BRICS hanno accettato l’adesione di Egitto, Etiopia, Iran e Emirati Arabi Uniti. Da allora, altri 15 paesi hanno manifestato interesse ad entrare a far parte del blocco, tra cui Bahrain, Bielorussia, Cuba, Kazakistan, Pakistan, Senegal e Venezuela. L’espansione del BRICS rappresenta circa il 30% dell’economia globale e una popolazione di circa 3,5 miliardi di persone.

Impatto economico e geopolitico

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, attualmente i BRICS rappresentano circa il 36% del PIL globale in base al potere d’acquisto (PPP), superando di poco il 30% del G7. Il BRICS mira a superare il G7 in termini di PIL globale nominale nei prossimi quattro anni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso