logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

La preoccupazione del presidente serbo per un possibile conflitto imminente

Aleksandar Vucic presidente serbo

Tabella dei contenuti

Il presidente serbo Aleksandar Vucic sta avvertendo il suo paese di prepararsi a una grave guerra in Europa, ritenendo improbabile che Russia e Occidente possano raggiungere un accordo diplomatico. Egli prevede una catastrofe imminente, forse entro tre o quattro mesi, se non prima. A suo parere, la situazione sta peggiorando di giorno in giorno, con il treno ormai partito e nessuno in grado di fermarlo.

La complessa posizione della Serbia tra Occidente e Russia

Vucic condanna l’invasione russa dell’Ucraina, ma ritiene la questione molto più complessa. Egli sottolinea come anche l’Occidente abbia avuto precedenti controversi, come l’intervento in Serbia nel 1999 e nel 2008, e afferma che Putin citerà sempre il precedente del Kosovo, il che non è positivo per i serbi. Vucic lamenta che nessuno cerchi veramente di porre fine alla guerra, mentre tutti si concentrano solo sulla vittoria di una parte o dell’altra.

La preoccupazione per le conseguenze della guerra

Vucic avverte che la NATO e gli Stati Uniti non possono permettersi di perdere la guerra in Ucraina, poiché ciò comporterebbe un grave deterioramento della loro posizione geopolitica. Allo stesso tempo, una sconfitta di Putin metterebbe a rischio la sua stessa eredità storica. Pertanto, entrambe le parti sono determinate a vincere, a qualunque costo, e Vucic teme che ciò possa portare a una vera catastrofe, con milioni di vittime, che la Serbia non è disposta ad accettare.

La posizione di neutralità della Serbia

Nonostante le pressioni, la Serbia sta cercando di preservare la pace, la stabilità e la tranquillità nella regione. Vucic afferma che il suo paese, che è stato una delle maggiori vittime di conflitti nel XX secolo, non intende partecipare a questa nuova guerra, preferendo mantenere un atteggiamento prudente e neutrale. Egli auspica di poter vedere entrambe le parti sedute allo stesso tavolo per negoziare una soluzione pacifica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso