logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

Julian Assange Libero?

Julian Assange

Tabella dei contenuti

L’accordo di patteggiamento con la giustizia statunitense

Julian Assange, il cofondatore di WikiLeaks, è stato finalmente liberato dalla prigione di massima sicurezza di Belmarsh nel Regno Unito, dopo aver scontato cinque anni di detenzione mentre combatteva l’estradizione verso gli Stati Uniti, dove era accusato di aver ottenuto e divulgato illegalmente materiale relativo alla sicurezza nazionale, gettando luce sulle violazioni dei diritti umani commesse dall’esercito americano. Secondo quanto dichiarato dal Dipartimento di Giustizia statunitense, Assange ha accettato di dichiararsi colpevole presso un tribunale delle Isole Marianne Settentrionali, un territorio statunitense nel Pacifico. Si prevede che venga condannato a circa cinque anni, corrispondenti al tempo già trascorso in carcere nel Regno Unito, mentre la richiesta di estradizione dovrebbe essere respinta. Dopo il procedimento giudiziario, Assange dovrebbe quindi recarsi in Australia, suo paese di origine.

Il sostegno della famiglia e degli attivisti per i diritti umani

La moglie di Assange, Stella, ha affermato che suo marito e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti hanno raggiunto “un accordo di massima”, che deve essere formalmente firmato dal giudice nelle Isole Marianne Settentrionali. Marty Gottesfeld, attivista per i diritti umani che ha trascorso anni in carcere negli Stati Uniti dopo essere stato accusato di aver lanciato un attacco informatico contro un ospedale di Boston per denunciare presunti abusi medici, ha dichiarato che Assange è stato costretto ad accettare il patteggiamento a causa del “sistema progettato per logorarlo”. L’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, che nel 2012 aveva concesso asilo ad Assange nell’ambasciata del suo paese a Londra, ha affermato che l’attivista è stato “perseguitato per aver detto la verità, non per aver mentito” e che “i veri criminali di guerra sono rimasti impuniti”.

Le reazioni politiche e la minaccia permanente

L’ex vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, del precedente governo Trump, ha criticato duramente l’accordo di patteggiamento, affermando che Assange “ha messo in pericolo la vita dei nostri soldati in tempo di guerra e avrebbe dovuto essere perseguito fino alle massime conseguenze legali”. Dall’altra parte, il candidato presidenziale Robert F. Kennedy Jr. ha accolto con favore la liberazione di Assange, pur deplorando che l’attivista abbia dovuto accettare una dichiarazione di colpevolezza, definendola una “vittoria vuota” dell’amministrazione Biden. Secondo l’attivista per i diritti umani Craig Murray, ex ambasciatore britannico in Uzbekistan, Assange rimane comunque un “uomo segnato” e “sempre in pericolo” dopo aver rivelato i segreti degli Stati Uniti, “soprattutto a causa delle forze maligne della CIA e degli Stati Uniti”.

L’asilo concesso dall’Ecuador e la successiva detenzione

Julian Assange, cofondatore di WikiLeaks, non avrebbe mai dovuto essere incarcerato in primo luogo, secondo quanto affermato dall’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa in un’intervista esclusiva rilasciata a RT. Correa, che nel 2012 aveva concesso asilo all’attivista presso l’ambasciata del suo paese a Londra, ha dichiarato che Assange è stato “perseguitato per aver detto la verità, non per aver mentito” e che “i veri criminali di guerra sono rimasti impuniti”. Dal 2011 al 2019, Assange si era rifugiato presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra per paura di essere estradato negli Stati Uniti. Tuttavia, quando il successivo presidente dell’Ecuador, Lenin Moreno, gli revocò lo status di rifugiato, Assange venne espulso dall’ambasciata e arrestato dalla polizia britannica, per poi trascorrere cinque anni nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra.

Le rivelazioni di WikiLeaks e la loro importanza

Nel 2010, WikiLeaks aveva divulgato filmati di un elicottero militare statunitense che aveva ucciso dei civili a Baghdad tre anni prima, scambiandoli per insorti armati. L’attacco aveva causato la morte di 12 civili, inclusi due bambini e due persone che lavoravano per l’agenzia di stampa Reuters. Questi video facevano parte di una più ampia divulgazione di file top secret da parte di WikiLeaks, tra cui documenti relativi alle guerre degli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan.

Il commento dell’ex presidente Correa

Correa ha affermato di essere felice che Assange sia stato rilasciato, ma ha insistito sul fatto che non avrebbe mai dovuto essere preso di mira in primo luogo. “Julian Assange è perseguitato per aver detto la verità, non per aver mentito. Ed è il portatore di verità, il perseguitato, il punito, colui che è stato sepolto vivo in prigione, quando quelli in prigione avrebbero dovuto essere i criminali di guerra”, ha dichiarato Correa. L’ex presidente ecuadoriano ha inoltre affermato che “i veri criminali di guerra sono rimasti impuniti” e che Assange “non avrebbe mai dovuto perdere la sua libertà. Al contrario, avrebbe dovuto essere riconosciuto per il suo coraggio”.

Il rilascio di Assange e l’accordo di patteggiamento con gli Stati Uniti

Il governo australiano desidera che Julian Assange, il cofondatore dell’organizzazione per la trasparenza WikiLeaks, possa tornare in patria, come dichiarato dal Primo Ministro Anthony Albanese. Dopo essere stato detenuto per oltre 1.900 giorni nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh nel Regno Unito, Assange è stato finalmente rilasciato su cauzione lunedì scorso, in vista di un previsto patteggiamento con un tribunale statunitense. Mercoledì, l’attivista dovrebbe comparire presso un tribunale di Saipan, nelle Isole Marianne Settentrionali (un territorio statunitense), dove un giudice americano dovrebbe presumibilmente approvare l’accordo raggiunto con i pubblici ministeri.

Il ruolo del governo australiano nel processo di liberazione

Albanese ha ribadito che “non c’è nulla da guadagnare dalla sua continua detenzione e vogliamo che torni in Australia”. Alti funzionari australiani, tra cui l’Alto Commissario nel Regno Unito Stephen Smith e l’Ambasciatore negli Stati Uniti Kevin Rudd, hanno assistito nel garantire il suo rilascio e accompagneranno Assange. La Ministra degli Esteri Penny Wong ha inoltre spiegato che negli anni iniziali della sua vicenda nel Regno Unito, Assange aveva rifiutato le visite consolari australiane, ma lo scorso anno aveva accettato di collaborare con il governo, e Smith lo aveva incontrato più volte.

Il percorso di Assange verso la liberazione

L’aereo che si ritiene stia trasportando Assange è atterrato a Bangkok, in Tailandia, per fare rifornimento, e dovrebbe poi proseguire per le Isole Marianne Settentrionali. Questa location è stata scelta dalla squadra legale di Assange in quanto distante dagli Stati Uniti continentali e più vicina all’Australia. Secondo quanto riportato, l’attivista dovrebbe dichiararsi colpevole di un solo capo d’imputazione di cospirazione per ottenere e divulgare informazioni relative alla difesa nazionale statunitense, in cambio di una condanna corrispondente al tempo già trascorso in custodia nel Regno Unito.

Il dovere di tutti

Ora, il dovere di ogni singolo uomo su questa terra, seppure in quest’epoca di caos epocale e rischi globali, è spendersi con ogni mezzo a disposizione perché nessuno tocchi MAI PIÙ Julian Assange, e perché egli possa tornare a vivere una vita dignitosa e libera.
Gli anni di prigionia indegni che ha dovuto subire lo hanno certamente segnato profondamente, e nonostante sia certamente dotato del più combattivo degli spiriti, dovrà fare i conti con traumi e paure che gli sono stati ingiustamente inflitti.


MAI PIÙ, MAI PIÙ, MAI PIÙ!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso