logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

Giorgia Meloni e il futuro dell’Europa

giorgia a milano

Tabella dei contenuti

Una domanda scottante dopo le elezioni parlamentari europee che si sono concluse il 9 giugno: come ha fatto il governo Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia – FdI) del primo ministro italiano Giorgia Meloni   a comportarsi così bene nonostante quanto segue:

  1. Una  pessima economia . In Italia è la norma, ma…
  2. La situazione è stata resa ancora peggiore dal Progetto Ucraina, di cui la Meloni è stata una grande sostenitrice e al quale l’opinione pubblica italiana è ampiamente contraria.

Per fare un paragone, in Germania, che è la prima località industriale in Europa mentre l’Italia è la seconda, la coalizione di governo è stata assolutamente martellata.

L’Italia potrebbe non aver sofferto l’umiliazione subita dalla Germania con la vicenda Nord Stream, ma la carneficina economica è simile.

Ecco alcune possibilità per cui Meloni e soci sono usciti rafforzati dalle elezioni europee.

(1). Gli italiani sono abituati alle pessime condizioni economiche.

Il declino del tenore di vita è tuttavia una novità per la Germania.

Il  calo più grande dalla seconda guerra mondiale  tenderà a suscitare una risposta più appassionata.

In Italia  ha votato poco più del  48% degli aventi diritto.

In Germania, quasi il 65% degli elettori si è recato alle urne, il tasso più alto registrato in un’elezione europea dai tempi della riunificazione.

I tedeschi non hanno (ancora?) rinunciato al sistema come hanno fatto gli italiani, e questo risulta chiaramente dai  dati dettagliati dei sondaggi  del Consiglio Europeo per le Relazioni Estere pubblicati a gennaio.

Nota la differenza tra le percentuali di persone che non voterebbero o non sanno per chi votare:

Questi dati si sono riflessi nella recente votazione. 

Il numero di italiani che hanno effettivamente rinunciato al sistema (51,66%) e hanno scelto di non votare supera quelli che sostengono la Meloni che ha ottenuto il 13,89% degli aventi diritto (che la fa dichiarare dai media l’unico leader popolare al G7).

E non si trattava solo del fatto che si trattava di un’elezione europea; L’affluenza alle urne in Italia è in  calo da decenni alle elezioni nazionali  e ha raggiunto il minimo post-seconda guerra mondiale del 64% nel 2022.

Tuttavia, la Meloni e la FdI sono riuscite a vincere nella corsa all’UE:

L’insoddisfazione degli elettori tedeschi nei confronti della coalizione di governo ha appena raggiunto il livello record del 71%.

Hanno utilizzato le elezioni europee per esprimere il loro malcontento, che è in gran parte il risultato del malcontento per il calo del tenore di vita nella più grande economia europea, mentre il governo si occupa del settore energetico. crisi innescata dal conflitto Russia-Ucraina.

Sia l’Italia che la Germania  soffrono  di un calo del tenore di vita; la differenza è una delle tempistiche.

Quello dell’Italia è un calo decennale, mentre è più recente in Germania.

(2). Debole opposizione in Italia. 

Partito Democratico, formatosi nel 2007 quando partiti di centrosinistra e partiti che amavano immaginarsi di sinistra, si unirono per formare un gruppo borghese attualmente guidato da Elly Schlein.

È cresciuta in Svizzera e si è avvicinata alla politica lavorando  come  volontaria per le due campagne presidenziali di Obama a Chicago.

Secondo  La Repubblica , è stata quell’esperienza che ha insegnato a Schlein, come dice lei, che “non è necessario chiedere voti, ma mobilitare le persone con le idee”.

Ok, allora. Ha assunto una posizione liberale su questioni come il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’ambiente e la crisi dei migranti.

Ma Schlein sostiene il Progetto Ucraina e ha poco da offrire economicamente alla classe operaia.

Il Partito Democratico, nato dalle macerie del Partito Comunista Italiano – un tempo il più grande del mondo occidentale – ora non è altro che un ramo del Partito Democratico statunitense con la stessa strategia del male minore e l’attenzione alla cultura.

“Scrivono di me che sono un comunista, anticapitalista, radical chic di famiglia ricca, ebrea ma anti-israeliana. Una serie di falsità…” aveva detto Schlein  l’anno scorso alla trasmissione Otto e Mezzo su La7. Buono a sapersi.

La lista Peace Land Dignity ( Pace Terra Dignità , PTD), lanciata lo scorso anno, comprende tre partiti minori della sinistra, ma non è riuscita a decollare con solo il 2,2% dei voti.

Il Movimento Cinque Stelle, nato nel 2009 e diventato una forza populista contro l’establishment, si è addormentato con i cani e si è preso le pulci.

Si è in gran parte estinto dopo una serie di passi falsi negli ultimi anni, tra cui l’accordo con la Lega Nord e il Partito Democratico e il sostegno al governo dell’ex dirigente non eletto della Goldman Sachs Mario Draghi.

Il partito si è diviso nel 2022 e da allora ha subito numerose defezioni a causa della sua opposizione al Progetto Ucraina.

Nel frattempo, Meloni e FdI stanno ancora cavalcando l’onda dell’opposizione al governo Draghi (nonostante Meloni sia diventata sostanzialmente una protetta di Draghi una volta entrato in carica), cosa che li ha aiutati a spingerli davanti ai loro rivali di destra.

In Germania, il recente voto ha rappresentato in parte un ritorno alla media.

L’ascesa al potere della coalizione a semaforo (Verdi, SPD, FDP) è dovuta in parte alla complicata lotta per la successione nella CDU dopo l’uscita di Angela Merkel.

La CDU, ora apparentemente stabile, sotto la guida dell’ex dirigente di Blackrock Friedrich Merz è tornata al vertice.

La novità in Germania è la presenza di almeno due partiti che offrono alternative chiare e disparate allo status quo: Alternativa per la Germania (AfD) e BSW di Sahra Wagenknecht.

Questi partiti hanno saccheggiato il sostegno della coalizione di governo:

(3). La colpevolizzazione riuscita degli immigrati. È colpa della Germania, per l’opposizione. Per l’Italia, della Meloni e di FdI. 

In Germania, il 31% degli elettori ritiene che l’immigrazione sia una questione di “crisi”, e sostiene in stragrande maggioranza la CDU e l’AfD affinché facciano qualcosa al riguardo.

In Germania vivono più di tre milioni di rifugiati e richiedenti asilo, più che in qualsiasi altro paese europeo.

Il governo ha cercato di essere duro su questo tema negli ultimi mesi, approvando anche una legge che apre la strada a deportazioni più facili dei richiedenti asilo e  criminalizzando  alcune attività degli operatori umanitari che li assistono, punibili fino a dieci anni di carcere, ma come sempre, gli elettori tendono a preferire la realtà.

Gli elettori si fidano maggiormente dell’AfD (45%) e della CDU (21%) sulla questione che li preoccupa maggiormente e, di conseguenza, hanno ottenuto buoni risultati nelle recenti elezioni.

Gli italiani, d’altro canto, continuano a considerare le questioni economiche come la principale fonte di crisi del Paese.

Eppure, come abbiamo visto sopra, il 47% degli italiani ritiene di non avere alcuna soluzione su tale questione.

Anche la Meloni e FdI hanno fatto del loro meglio per incolpare gli immigrati dei problemi economici dell’Italia.

C’è poca o nessuna separazione all’interno dello spettro politico italiano sulle questioni del lavoro, della sanità, dell’istruzione e delle finanze pubbliche.

Ciò che separa Meloni e FdI è che affermano di aver trovato i colpevoli del declino del tenore di vita degli italiani e della classe operaia: gli immigrati e la minaccia che rappresentano all’identità nazionale.

La missione di respingere tale minaccia crea anche un senso di empowerment, perché mentre per decenni la classe operaia italiana è stata resa impotente nel fermare la svendita del loro paese, la repressione salariale e le riforme neoliberiste generalizzate, ecco una facile soluzione bersaglio identificabile.

E finalmente qualcuno sta facendo  qualcosa. 

 Anche se questo non è molto se non far soffrire alcuni richiedenti asilo e usarli per indebolire ulteriormente i lavoratori italiani.

Sebbene la Meloni abbia adottato maggiori misure di controllo delle frontiere, ha anche fatto marcia indietro e ora sostiene che l’Italia ha bisogno di  migrazione di manodopera  e  ha adottato un obiettivo  di 833.000 nuovi lavoratori migranti per soddisfare le esigenze del capitale. 

 Secondo  il Dossier statistico sull’immigrazione dell’IDOS 2020, nel 2019 il salario medio mensile complessivo dei lavoratori stranieri è stato di 1.077 euro, inferiore del 23,5% a quello dei 1.408 euro degli italiani.

Questo  divario si sta allargando  in Italia, così come nell’UE, e masse di italiani sotto i 35 anni stanno  emigrando all’estero  poiché le loro prospettive di lavoro e i loro salari sono così tristi in patria.

È importante sottolineare che Von der Leyen ha sostenuto il piano della Meloni di reindirizzare i richiedenti asilo dall’Italia verso gabbie in Albania definendolo un “pensiero fuori dagli schemi”.

L’Albania non è uno Stato membro dell’UE e la detenzione automatica che i migranti rischiano di dover affrontare  viola  il diritto italiano e dell’UE.  

L’UE di Von der Leyen, tuttavia, vede il piano Albania di Meloni come un  modello  per il blocco.

Apparentemente i due si sono uniti grazie alle politiche intransigenti sull’immigrazione, viaggiando insieme in Tunisia per un accordo per limitare le partenze dei migranti e facendo insieme un tour del centro di accoglienza migranti sull’isola italiana di Lampedusa.

La promozione degli sforzi della Meloni da parte di Von der Leyen è un segno di approvazione per la strategia volta a scaricare sugli immigrati la colpa dei problemi economici causati dal neoliberismo dell’UE e dalle guerre della NATO.

Il prototipo

Dato che i politici neoliberisti del centro-sinistra globalista sono così completamente screditati (vedi Macron, Scholz), ora tocca alla destra continuare a portare avanti i grandi progetti anti-russi neoliberisti dell’UE e della NATO.

Lo fanno facendo appello al nazionalismo e all’anti-immigrazione, lasciando incontrastata la politica economica ed estera.

Il modello Meloni richiede probabilmente un crollo della fiducia nel sistema e una corrispondente bassa affluenza alle urne, ma ciò  sta  accadendo in tutta Europa mentre gli standard di vita diminuiscono e i partiti di tutto lo spettro non sono disposti o non sono in grado di offrire alternative al neoliberismo dell’UE e al Progetto Ucraina diretto dalla NATO. .

Il prototipo della Meloni porta con sé anche la stessa politica estera, essendo favorevole al Progetto Ucraina, così come ai falchi della Cina.

Ecco due potenziali modi in cui il prototipo Meloni può avere più successo rispetto ai “centristi” come Macron o Scholz nell’UE di oggi:

  1. Davide Monaco del Dipartimento di Politica dell’Università di Manchester ha tenuto l’anno scorso questo interessante articolo intitolato  “L’ascesa delle forze anti-establishment e di estrema destra in Italia: la neoliberalizzazione in una nuova veste?”  Sebbene sia focalizzato sull’Italia, può essere applicato sempre più anche ad altri paesi dell’UE. La sua argomentazione si riduce al fatto che i governi di destra “possono promuovere processi di neoliberalizzazione insieme a un mix di misure anti-immigrazione e scioviniste del welfare” e che “i partiti di estrema destra possono portare avanti processi di neoliberalizzazione “su base nazionale”. Ecco il vero nocciolo della questione:

Il peculiare esperimento delle forze anti-establishment e di estrema destra al potere può essere meglio compreso alla luce degli sviluppi successivi al 2011, che hanno messo a nudo i limiti delle strategie basate sull’austerità nella costruzione di alleanze di classe sufficientemente ampie e durature.

Pertanto, pur mantenendo essenzialmente le politiche fondamentali (neoliberalizzanti) del mercato del lavoro del passato, è stato concesso un piccolo margine fiscale aggiuntivo per misure destinate ai gruppi sociali che erano stati emarginati durante la crisi, vale a dire i lavoratori autonomi e le piccole e medie imprese (PMI).

Prevalentemente localizzati al Nord (flat tax e condono fiscale), classi precari del Sud (RdC), e lavoratori anziani (maschi) (Quota 100).

Inoltre, l’atteggiamento anti-immigrazione e sciovinista del welfare dovrebbe essere visto come finalizzato ad attirare il sostegno di settori della classe operaia e della piccola borghesia mettendoli contro l’“Altro”, nascondendo al contempo una riluttanza a sfidare le disuguaglianze socioeconomiche strutturali.

Allo stesso tempo, lo sciovinismo del welfare ha continuato a promuovere una logica workfarista basata sulla distinzione tra persone “meritevoli” e “immeritate” delle (presumibilmente scarse) risorse disponibili per la protezione sociale, anche se nella sua variante nativista che dà priorità agli italiani come “poveri meritevoli”.

L’unico problema è che  Meloni e la Fd’I non hanno nemmeno un interesse particolare a dare priorità all’oligarchia italiana.

Il suo governo è impegnato  a vendere il paese agli americani.

Hanno svenduto la rete fissa di Telecom Italia alla società di private equity KKR con sede a New York, che ha come partner l’ex direttore della CIA David Petraeus.

Dichiarano anche che   “l’Italia è in vendita”,   con piani per 20 miliardi di euro di privatizzazioni, tra cui anche quelle delle Ferrovie dello Stato, di Poste Italiane, della banca Monte dei Paschi e del colosso energetico Eni.

E potrebbero essercene molti altri in arrivo:

  1. Ancora più spaventoso, esiste la possibilità che la destra in stile Meloni stia effettivamente prendendo rabbia nei confronti della politica economica Bruxelles-Roma e della politica estera della NATO e riorientandola verso gli immigrati, rafforzando quindi entrambe le prime nel processo.

Forse fa parte di ciò che rappresenta il murale di street art recentemente svelato a Milano?

Nella forma scritta, Jonas Elvander, redattore di affari esteri presso la rivista socialista svedese Flamman e ricercatore PhD in storia presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze, sostiene in modo  convincente  che questo è ciò che sta accadendo:

A partire dalla crisi dell’euro degli anni 2010, secondo Kundnani, l’UE è passata dal proiettare il suo soft power verso l’esterno a diventare più difensiva e ripiegata su se stessa. La leadership del sindacato oggi lo vede circondato da minacce, che dalla crisi migratoria sono diventate sempre più sinonimo di migranti non bianchi e instabilità politica nelle regioni vicine.

Questo punto è stato illustrato due anni fa dall’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, Josep Borell, quando descrisse l’UE come un “giardino” circondato da una “giungla”.

Questa nuova retorica è indicativa di ciò che Kundnani chiama la “svolta civilizzatrice” dell’UE; gli elementi civici e cosmopoliti dell’identità europea vengono sempre più sostituiti da un’enfasi sul patrimonio culturale e di civiltà comune dell’Europa, vale a dire da una comprensione più esclusiva di cosa significhi essere europei.

Quando Ursula von der Leyen è stata scelta come nuova presidente della Commissione europea nel 2019, ha deciso di dimostrare di aver ascoltato la voce dei popoli europei, che avevano appena concesso all’estrema destra un forte aumento dei seggi al Parlamento europeo.

Ciò si è tradotto in un focus su questioni come la migrazione e la sicurezza, nonché nella creazione del nuovo portafoglio della Commissione “Promuovere il nostro stile di vita europeo”, una frase usata per la prima volta all’inizio degli anni 2000 dal primo ministro socialista francese Lionel Jospin per descrivere gli stati sociali dell’Europa occidentale.

Ciò che comportava questa nuova posizione non era molto chiaro; i settori politici includevano migrazione, sicurezza, istruzione, dialogo religioso e lotta contro l’antisemitismo (ma non l’islamofobia).

Simbolicamente, tuttavia, la mossa è stata significativa.

Nel marzo 2020 è scoppiata una crisi al confine tra Turchia e Grecia, con i migranti che cercavano di entrare nell’UE prima di essere violentemente respinti dalle forze di sicurezza greche.

Anche se la violenza è andata contro le regole di condotta dell’agenzia europea Frontex, Von der Leyen ha salutato la polizia greca come l’aspida dell’Europa – in greco “scudo”.

Tali incidenti illustrano il cambiamento in corso nei valori che la Commissione sottolinea, dall’apertura e tolleranza alla sicurezza e alla coesione.

Questa svolta ha permesso all’estrema destra di riscoprire gli aspetti di civiltà dell’UE e di abbracciarla in nome della difesa di un patrimonio comune europeo.

Il “centro” dell’UE – che ha molto ragione di questi tempi – accoglie questa “estrema destra” finché riesce a controllarla, cosa che pensa di poter fare.

Ricordiamo l’avvertimento di Ursula alla Meloni:

Ciò fa sorgere la domanda, tuttavia, se l’UE di oggi, che sostiene i nazisti in Ucraina e il genocidio a Gaza, fosse quella in cui la destra è sotto il controllo del centro, come sarebbe con una destra non controllata?

È significativo che sia il centro che la destra siano impegnati in progetti di riabilitazione dei fascisti.

Negli ultimi anni l’UE ha  approvato risoluzioni  che confondono nazismo e comunismo e tentano di attribuire equamente la colpa della Seconda Guerra Mondiale ai russi.

L’effetto è quello di riscrivere la storia in modo che coloro che una volta erano considerati eroi ora siano nemici, e coloro che a lungo erano considerati nemici – i fascisti – ora siano eroi.

I partiti di destra italiani  stanno facendo  più o meno lo stesso, tentando di dipingere i fascisti italiani come vittime del presunto razzismo anti-italiano di alcuni comunisti.

I loro resoconti omettono quasi sempre completamente i crimini del fascismo italiano.

Mentre l’UE aiuta a far uscire dal freddo la frangia fascista attraverso i Balcani, in Armenia e, naturalmente, in Ucraina, FdI in Italia ha allo stesso modo aiutato a ribattezzare i militanti delle frange neonaziste come la “destra mainstream”.

Potrebbe essere in cantiere un futuro accordo tra il centrodestra in Germania e l’AfD?

Uno che vedrebbe l’AfD promettere fedeltà alla NATO e alla Commissione Europea in cambio della possibilità di realizzare alcune delle sue fantasie di nazionalsocialismo?

La Francia lo dirà.

Come andrà il voto di Marine Le Pen al Parlamento europeo, e come governerà se salirà al potere in Francia?

La risposta probabilmente fornirà una chiara indicazione su se la Meloni e FdI siano un nuovo prototipo popolare per promuovere gli obiettivi dell’UE di politica economica neoliberista, riabilitazione fascista e guerra con la Russia o se la Meloni sia solo un opportunista una tantum.

Il fatto che Le Pen abbia  voltato le spalle all’AfD e voglia allearsi con la Meloni sembra un chiaro segno della sua direzione.

Negli ultimi decenni l’Italia si è alternata attraverso governi di tutto lo spettro politico, nessuno dei quali è riuscito (o ha voluto) fermare con successo il declino del tenore di vita del Paese.

Di conseguenza, gli elettori hanno in gran parte rinunciato.

La Germania, da sempre modello di fragile stabilità politica, sembra aver appena iniziato il percorso che l’Italia ha percorso per anni.

Il risultato sarà probabilmente simile.

Anche quando gli elettori  passano  dai partiti di estrema destra, come è appena successo in Finlandia e Svezia, tornano a partiti più “centristi”, ma è difficile vedere cosa cambia effettivamente a parte l’accumulo di voti. Più potere a Bruxelles sotto von der Leyen. Questo, ovviamente, è il punto.

Si supponeva che la governance dell’UE fosse progettata per inghiottire ed estinguere tutta l’imprevedibilità del nazionalismo che da tempo affliggeva il continente.

Ma il Cubo Borg di Bruxelles è ora in un pericoloso volo di fantasia con i suoi strati di burocrazia e “strumenti” che impediscono a chiunque di sbarcare.

Fonte: https://www.nakedcapitalism.com/2024/06/italys-pm-giorgia-meloni-emerges-as-model-for-how-to-use-faux-nationalism-to-sell-eu-neoliberalism-and-project-ukraine.html
Scritto da Conor Gallagher
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso