logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

Europa: i giovani si ribellano e non partecipano

Europa giovani che la contestano

Tabella dei contenuti

La Ribellione Silenziosa:

L’Europa trema. Le recenti elezioni dell’UE hanno scosso le fondamenta politiche di diversi paesi membri.

Germania, Francia e Belgio si trovano ora ad affrontare crisi interne senza precedenti.

In alcuni stati, si prospettano nuove elezioni parlamentari per ridefinire i valori politici nazionali.

Ma c’è una domanda che nessuno sembra porsi: chi sono i veri ribelli di questa rivoluzione elettorale?

Chi è che si ribella?

Sorprendentemente, sono i giovani a guidare questa rivolta silenziosa contro l’establishment di Bruxelles.

Questa generazione, intrappolata tra dipendenza e indipendenza, si sente privata di un futuro stabile.

Non sono semplici categorie demografiche, ma i nostri figli e nipoti in carne ed ossa.

Sono l’«età invidiata» dagli anziani, ma paradossalmente si sentono perduti nel caos europeo attuale.

No alla frammentazione sociale!

L’etichettatura alfabetica di queste generazioni riflette un’ideologia che esaspera le divisioni sociali.

Questa frammentazione sociale si aggiunge alle tensioni già presenti a livello internazionale.

Il risultato? Una società in cui la volontà soggettiva prevale sui valori oggettivi della comunità.

I giovani hanno detto basta, e il loro voto del 9 giugno ne è la prova lampante.

Europa, esiste ancora la democrazia?

Hanno creduto nel potere della democrazia, sperando che Bruxelles comprendesse il loro grido di cambiamento.

Ma cosa accadrà quando capiranno che i burocrati sono sordi alle loro richieste?

Quando realizzeranno che l’unico interesse di questi funzionari è mantenere il proprio potere?

Quali rischi si corrono?

Il rischio è che la frustrazione si trasformi in azioni più radicali e potenzialmente distruttive.

La domanda cruciale è: noi, genitori e nonni, come reagiremo a questa ribellione generazionale?

Condanneremo i nostri “impudenti” successori o ammetteremo i nostri errori passati?

Permetteremo loro di correggere ciò che abbiamo sbagliato, o almeno di tentare?

Ed ora che fare?

È tempo di lasciare che la verità torni ad essere l’insieme dei fatti oggettivi.

Dobbiamo contrastare la volontà soggettiva di chi si considera l’élite intoccabile.

È necessario rimuovere gli interessi acquisiti che bloccano il normale funzionamento delle istituzioni.

Cosa vogliono i giovani?

I giovani chiedono un ritorno alla normalità, a una vita stabile e dignitosa.

Non vogliono essere pedine in un gioco politico che li priva di opportunità.

Chiedono un’Europa che ascolti le loro esigenze, non che le ignori sistematicamente.

Vogliono un futuro in cui possano costruire le proprie vite senza ostacoli burocratici.

Perché protestano?

La loro ribellione non è un capriccio, ma una necessità dettata dalla disperazione.

Le istituzioni europee devono comprendere che ignorare queste voci porterà solo a maggiore instabilità.

Il voto di protesta potrebbe trasformarsi in azioni più concrete e potenzialmente dirompenti.

È fondamentale che l’UE si rinnovi, ascoltando e integrando le richieste di questa generazione.

Solo così si potrà evitare una frattura insanabile tra i cittadini e le istituzioni.

Europa: cos’era, cos’è e cosa sarà?

L’Europa deve tornare a essere un progetto inclusivo, non un’oligarchia distante e sorda.

I giovani non chiedono privilegi, ma semplicemente la possibilità di vivere dignitosamente.

Vogliono un’Europa che offra opportunità, non che le sottragga sistematicamente.

Il loro voto è un campanello d’allarme che non possiamo permetterci di ignorare.

Europa, se continua così, cosa potrebbe accadere?

Se l’UE non cambierà rotta, rischia di perdere un’intera generazione di cittadini.

È tempo di ascoltare, di agire e di rinnovare il patto sociale europeo.

Solo così potremo garantire un futuro stabile e prospero per tutti.

La palla ora è nel campo delle istituzioni: sapranno raccogliere questa sfida?

O assisteremo impotenti al collasso del sogno europeo sotto il peso dell’indifferenza?

Europa: siamo noi quelli responsabili!

La storia ci giudicherà per le scelte che faremo oggi.

Sta a noi decidere se essere parte del problema o della soluzione.

I giovani hanno lanciato il loro grido di battaglia. Ora tocca a noi rispondere.

Il futuro dell’Europa dipende dalla nostra capacità di ascoltare e rinnovarci.

Non possiamo permetterci di fallire. Il tempo delle mezze misure è finito.

È giunto il momento di agire, prima che sia troppo tardi.

Buon lavoro, giovani d’Europa. Il vostro coraggio potrebbe salvare il nostro continente.

Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://giornalismolibero.com/adolescenza-uso-di-armi-e-comportamenti-aggressivi/
https://giornalismolibero.com/la-gen-z-e-la-sfida-del-benessere-mentale-e-della-proprieta-in-uneconomia-incerta/
https://giornalismolibero.com/instagram-sotto-accusa-per-i-rischi-sulla-salute-mentale-una-battaglia-legale-che-coinvolge-giovani-utenti/

Quanti sono i giovani in Europa?
https://www.agensir.it/quotidiano/2022/1/5/eurostat-i-giovani-nella-fascia-di-eta-15-29-anni-sono-un-sesto-della-popolazione-europea-pari-a-736-milioni-di-abitanti-su-4473/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso