logo Giornalismo Libero bianco su sfondo in trasparenza
Copertina: Stalin? Ha perso, anche se ha vinto
Stalin. Ha perso, anche se ha vinto
Cerca
Close this search box.

Cervelli umani “coltivati” inseriti nei computer!

cervelli umani coltivati in laboratorio

Tabella dei contenuti

Quando ho iniziato a fare ricerche su questo argomento, difficilmente potevo credere che fosse vero. 

Final Spark utilizza mini cervelli umani coltivati in laboratorio:

La società svizzera “Final Spark” ha costruito un bizzarro biocomputer ibrido.

Combina cervelli umani in miniatura coltivati ​​in laboratorio con circuiti elettronici convenzionali.

Questo approccio consente di risparmiare una quantità straordinaria di energia rispetto ai normali computer, ma c’è un grosso problema.

I cervelli umani in miniatura cresciuti in laboratorio continuano a consumarsi e a morire.

Gli scienziati devono continuare a farne crescere di nuovi per sostituirli. 

Il sistema dipende da 16 “organoidi” cerebrali sferici.

Per crearli vengono utilizzate le cellule staminali, derivate dal tessuto cutaneo umano.

Mi rendo conto che sembra qualcosa uscito da un pessimo film di fantascienza, ma sta realmente accadendo.

La “neuropiattaforma”: mini cervelli umani come chip

Gli scienziati di Final Spark chiamano il loro computer ibrido “la Neuropiattaforma”.

Si dice che utilizzi solo “una frazione dell’energia necessaria per alimentare un sistema tradizionale”.

La startup tecnologica svizzera Final Spark sta ora vendendo l’accesso a biocomputer che combinano fino a quattro minuscoli cervelli umani coltivati ​​in laboratorio con chip di silicio.

Questa nuova piattaforma di bioprocessamento, chiamata Neuroplatform, utilizza piccole versioni di cervelli umani per svolgere il lavoro del computer invece dei chip di silicio.

L’azienda afferma di poter inserire 16 di questi mini-cervelli sulla Neuropiattaforma e utilizzare una frazione dell’energia necessaria per alimentare una configurazione tradizionale.

La piattaforma, attualmente adottata da nove istituzioni, integra hardware, software e biologia per costruire un sistema di elaborazione efficiente dal punto di vista energetico e ad alte prestazioni.

Con i mini cervelli umani si risparmia energia, ma…

Questa “svolta” viene considerata un modo per risparmiare una quantità enorme di energia.

Ma che dire dei cervelli umani coltivati ​​in laboratorio che vengono ridotti in schiavitù per far funzionare la Neuropiattaforma?

Ciascuno dei 16 mini-cervelli è composto da circa 10.000 neuroni viventi e sono mantenuti in vita da un  “sistema microfluidico che fornisce acqua e sostanze nutritive alle cellule”.

Gli organoidi:

Invece di limitarsi a integrare concetti biologici nell’informatica, la piattaforma online di Final Spark “attinge” a gruppi sferici di cellule cerebrali umane coltivate in laboratorio chiamate organoidi.

Un totale di 16 organoidi sono alloggiati all’interno di quattro array collegati a otto elettrodi ciascuno e a un sistema microfluidico che fornisce acqua e sostanze nutritive alle cellule.

L’approccio, noto come wetware computing, in questo caso sfrutta le capacità dei ricercatori di coltivare organoidi in laboratorio.

Si tratta di una tecnologia abbastanza nuova che consente agli scienziati di studiare quelle che sono essenzialmente mini repliche di singoli organi.

Ricompense e punizioni per l’addestramento dei cervelli:

Utilizzando un sistema di ricompense e punizioni durante la loro breve vita, i mini-cervelli vengono letteralmente addestrati a svolgere determinati compiti.

I ricercatori lo fanno addestrando gli organoidi attraverso un sistema di ricompensa.

Gli organoidi vengono ricompensati con la dopamina, il neurotrasmettitore responsabile del piacere (e della dipendenza).

Nel frattempo, come “punizione”, gli organoidi sono esposti a stimoli caotici, come un’attività elettrica irregolare.

Se i mini-cervelli schiavizzati fanno quello che dovrebbero fare, vengono ricompensati con molto piacere.

Se i mini-cervelli schiavizzati non fanno quello che dovrebbero fare, vengono colpiti da molta “attività elettrica irregolare”.

In altre parole, questi cervelli umani in miniatura vengono torturati finché non imparano a obbedire.

Il lato oscuro della scienza:

Leggere queste cose dovrebbe letteralmente farti venire la nausea.

Ciò che stanno facendo questi scienziati è incredibilmente malvagio.

Final Spark afferma che i cervelli umani in miniatura utilizzano  “un milione di volte meno energia rispetto alle loro controparti in silicio”.

Facciamo alcune considerazioni:

L’azienda tecnologica svizzera Final Spark ha lanciato con successo Neuroplatform, la prima piattaforma di bioprocessamento al mondo in cui gli organoidi del cervello umano (versioni miniaturizzate di organi coltivate in laboratorio) eseguono compiti computazionali al posto dei chip di silicio.

La prima struttura di questo tipo ospita l’abilità di elaborazione di 16 organoidi cerebrali, che secondo l’azienda utilizzano un milione di volte meno energia rispetto alle loro controparti in silicio.

Final Spark spera che la loro nuova “tecnologia” diventi la fonte di energia primaria per la rivoluzione dell’intelligenza artificiale.

Ma quanta energia serve per addestrare l’intelligenza artificiale?

Perché a questo punto l’addestramento dei modelli di intelligenza artificiale utilizza  una quantità colossale di energia convenzionale.

Secondo le stime di Final Spark, l’addestramento del popolare modello linguistico di grandi dimensioni GPT-3, che ha alimentato ChatGPT nei suoi primi giorni, ha consumato solo 10 GWh di energia.

Si tratta di un’enorme quantità di energia, 6.000 volte superiore a quella che una città europea media consuma in un anno intero.

Cosa accade una volta che sia terminata la fase di addestramento?

La sostituzione dei chip di silicio con bioprocessori potrebbe portare a drastici risparmi energetici.

Final Spark consente ai laboratori di ricerca di sperimentare la potenza dei processori biologici sulla Neuropiattaforma.

Per molte persone là fuori, suonerà davvero fantastico.

Final Spark insiste sul fatto che il processore che ha creato utilizzerà un milione di volte meno energia rispetto a un normale chip di silicio.

Ma c’è un problema:

C’è solo un enorme problema.

I mini-cervelli continuano a morire e devono essere regolarmente sostituiti.

All’inizio sarebbero morti “in poche ore”, ma ora sembra che vivano  fino a 100 giorni.

Final Spark ha dovuto affrontare molte sfide nei suoi primi anni poiché gli organoidi sarebbero morti in poche ore.

L’azienda ha lavorato su questa lacuna e ha migliorato i suoi sistemi MEA per garantire che gli organoidi vivano per 100 giorni.

Ecco il problema:

Questi “organoidi” vengono letteralmente torturati fino alla morte.

Vengono  attaccati agli elettrodi  e torturati fino a quando non possono più funzionare.

Final Spark ha reso possibile il funzionamento di questi vari componenti attraverso una configurazione innovativa chiamata Multi-Electrode Array (MEA), in cui sono posizionate le masse tridimensionali del tessuto cerebrale.

I MEA:

Ogni MEA ha quattro organoidi cerebrali che si interfacciano con otto elettrodi. Questi elettrodi svolgono il duplice ruolo di stimolare gli organoidi e di registrare i dati che elaborano.

Il trasferimento dei dati avviene tramite convertitori digitali analogici con una risoluzione di 16 bit e una frequenza di 30 kHz.

Un sistema microfluidico fornisce supporto vitale ai MEA e le telecamere possono monitorarne il funzionamento complessivo.

Matrix!

Hai mai visto “Matrix”?

Mi è venuto in mente quel film mentre facevo ricerche su tutto questo.

Proprio come in quel film, l’energia umana alimenta l’intero sistema.

E proprio come in quel film, coloro che alimentano il sistema sono ridotti in schiavitù.

I creatori della “Neuropiattaforma” insistono sul fatto che questo va benissimo perché i mini-cervelli non sono esseri senzienti.

I mini cervelli umani coltivati in laboratorio sono vivi?

Che sia vero o no, ciò che stanno facendo è comunque profondamente sbagliato.

Creare cervelli umani in miniatura e usarli per alimentare un computer può essere un modo per risparmiare molta energia, ma illustra anche perfettamente quanto in basso sia caduta la nostra società.

Stiamo attraversando limiti che non dovrebbero mai essere superati e alla fine pagheremo un prezzo altissimo per i crimini che i nostri scienziati stanno commettendo.

Fonte: https://themostimportantnews.com/archives/they-are-using-lab-grown-human-brains-that-they-have-enslaved-called-organoids-to-run-computers
Scritto da Michael Snyder
Tradotto da Carlo Makhloufi Donelli

Di questi argomenti abbiamo parlato anche qui:
https://giornalismolibero.com/intelligenza-artificiale-come-al-solito-si-grida-al-lupo-al-lupo-inutilmente/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INFORMATIVA COOKIES
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
logo Giornalismo Libero blu su sfondo in trasparenza

Accesso